Il WWF Marche "La Regione finanzia le associazioni venatorie e dimentica la biodiversità"

By newsletter@csv.marche.it (Staff CSV Marche)

Il WWF Marche

Dal WWF Marche riceviamo e pubblichiamo intervento critico dell’associazione verso “la Regione Marche che finanzia la ‘valorizzazione della cultura e delle tradizioni faunistico venatorie’ ma dimentica la conservazione della biodiversità e l’educazione ambientale”

ANCONA – La Deliberazione della Giunta Regionale n. 898_17 e il conseguente bando, concedono 20.000 euro all’anno alle associazioni venatorie per iniziative legate alla cultura e tradizioni dei cacciatori.
Il WWF non può che far notare, di contro, che da tre anni la Regione Marche ha fortemente ridotto e a volte completamente cancellato i finanziamenti, …read more

Da: : CSV Marche

Category: Ultime notizie

“Impacchettiamo un sogno”

By newsletter@csv.marche.it (Staff CSV Marche)

“Impacchettiamo un sogno”

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato di Cesvi che cerca volontari per confezionare pacchetti regalo presso diversi punti vendita Mondadori, Don Chisciotte e altri

CIVITANOVA MARCHE – Ti piacerebbe donare qualcosa di te a chi è meno fortunato? Durante il periodo natalizio, Cesvi ha bisogno del tuo aiuto per realizzare un’importante raccolta fondi per far sì che centinaia di bambini di strada dello Zimbabwe possano ricevere cure, cibo, istruzione e la possibilità di un futuro lontano dai pericoli della strada.
Le strade di Harare, capitale dello Zimbabwe, sono popolate da migliaia di “bambini di strada”. La povertà e il virus dell’HIV hanno …read more

Da: : CSV Marche

Category: Ultime notizie

"L'affido familiare appartiene alla società", se ne parla in un convegno

By ufficiostampa.an@csv.marche.it (Ufficio Stampa CSV Ancona)

Domenica 3 dicembre, dalle ore 9 alle 16,30, nel castello di Falconara Alta, la giornata finale di un progetto formativo sull’affido familiare, promosso dall’associazione Ecco tuo figlio

FALCONARA M.MA (An) – Cercare, formare e sostenere famiglie o singole persone disposte ad accogliere minori in difficoltà, è da sempre l’impegno dell’associazione di volontariato Ecco tuo figlio per l’affido familiare. Una realtà con attività in aumento che richiedono la collaborazione di nuovi volontari, per creare una vera e propria rete di famiglie disponibili a svolgere questo servizio di accoglienza sociale. Se ne parlerà domenica 3 dicembre, dalle ore 9 alle 16,30, nella sala conferenze del castello di Falconara Alta, durante il convegno “L’affido familiare appartiene alla società”, momento finale del progetto formativo omonimo promosso da Ecco tuo figlio, con la collaborazione dei Comuni di Ancona, Falconara Marittima e Chiaravalle, dell’associazione Famiglie per l’Accoglienza, dell’Asur Area Vasta 2 – Equipe Integrata Affidi e del CSV Marche (Centro Servizi per il Volontariato).

Nell’occasione, aperta a tutti, interverranno esperti del settore e rappresentanti delle organizzazioni e degli enti coinvolti, per ragionare insieme sull’affido come progetto di solidarietà e servizio, sulla famiglia affidataria come risorsa della comunità per il futuro, ma anche sulle emozioni e i sentimenti legati all’affido: ci saranno un momento teatrale, condotto dal regista Silvano Sbarbati, con il coinvolgimento di volontari ed operatori sociali, racconti e letture di varie testimonianze di esperienze di affido, accompagnate dalle note del maestro fisarmonicista Luigino Pallotta.
Per maggiori info e adesioni:

Domenica 3 dicembre, dalle ore 9 alle 16,30, nel castello di Falconara Alta, la giornata finale di un progetto formativo sull’affido familiare, promosso dall’associazione Ecco tuo figlio

FALCONARA M.MA (An) – Cercare, formare e sostenere famiglie o singole persone disposte ad accogliere minori in difficoltà, è da sempre l’impegno dell’associazione di volontariato Ecco tuo figlio per l’affido familiare. Una realtà con attività in aumento che richiedono la collaborazione di nuovi volontari, per creare una vera e propria rete di famiglie disponibili a svolgere questo servizio di accoglienza sociale. Se ne parlerà domenica 3 dicembre, dalle ore 9 alle 16,30, nella sala …read more

Da: : CSV Marche

Category: Ultime notizie

A Bologna, tra “migrazioni e diritti”, la relazione finale Jo Cox

By cospeeditor

Il 2 dicembre 2017, a Bologna al Centro Interculturale Zonarelli in Via G.A. Sacco 14, dalle ore 9.30 alle 14.00 si terrà l’incontro conclusivo del percorso di condivisione del Piano locale per un’azione amministrativa non discriminatoria nei confronti dei nuovi cittadini e delle nuove cittadine. Il Piano d’Azione comunale per i nuovi diritti di cittadinanza con un approccio basato sui diritti umani nasce dal processo partecipativo pensato e sviluppato all’interno di un corso di formazione del progetto europeo AMITIE CODE. Durante la sua definizione è stata posta particolare attenzione alle comunità e alle persone migranti, target principale del progetto, in …read more

Da: : Cospe

Category: Eventi, News

Resistere! Resistere! Resistere! Nuove forme di “Resistenza” a Macerata dal 13 al 15 dicembre

By Alessio Ruta

Resistere! Resistere! Resistere!

MACERATA, 29/11/2017 – Tre giorni dedicati alle diverse forme di “Resistenza”, per difendere i propri diritti, la propria terra, i propri ideali. Li propone il GUS Gruppo Umana Solidarietà nei giorni 13, 14 e 15 dicembre a Macerata.

“L’idea è quella di celebrare i venticinque anni dalla Marcia dei 500, che portarono nella Sarajevo assediata dalle bombe un coraggioso messaggio di pace”, afferma il presidente del GUS Paolo Bernabucci, che proprio nel dicembre di 25 anni fa partiva con altri volontari dal porto di Ancona per Sarajevo per la “Marcia”, che si svolse per le vie della capitale bosniaca, culminando in …read more

Da: : Gus Italia

Category: News, accoglienza, Agostino Zanotti, antonio gramsci, bernabucci, don albino bizzotto, Fabrizio Saccomanno, francesco marilungo, Francesco Niccolini, Francesco Rocchetti, gramsci, gruppo umana solidarietà, gus, gus kobane, immigrati, Kobane, macerata, Özlem Tanrıkulu, paolo bernabucci, resistere, resistere resistere resistere, richiedenti asilo, rojava