ATTIVITA’

Riaprono le iscrizioni alla IX edizione della Scuola di Formazione in Progettazione Europea per un futuro nel Non Profit

Lezioni, frontali e on-line, ed esercitazioni interamente dedicate alla Progettazione Europea. Iscrizioni entro venerdì 3 settembre 2020.

La scuola prevede 72 ore di lezioni, in parte frontali in parte a distanza, ed esercitazioni, inizierà a settembre e terminerà a dicembre, sarà divisa in 4 moduli, da 18 ore ciascuno.

NOVITA’! Il 4° modulo sarà dedicato all’approfondimento di uno di questi due temi a scelta: Progettazione sociale per il Terzo Settore o fondo FAMI. Si potrà comunque scegliere di partecipare ad entrambi!

Per informazioni scrivere a formazione.marchesolidali@gmail.com

Consulta il BANDO e il PROGRAMMA completi.

Per iscrizioni compilare il modulo al seguente link MODULO D’ISCRIZIONE.

 

Progetto "In Marcia con il clima"

Marche Solidali e la Regione Marche sono partner di un progetto di Educazione alla Cittadinanza Globale cofinanziato dall’ Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, con capofila Oxfam Italia: “In marcia con il clima – Giovani e autorità locali contro il cambiamento climatico”, rivolto prioritariamente a Docenti, Studenti ed Enti Locali.

Il progetto coinvolgerà 15.000 giovani in attività educative dentro e fuori le scuole, sul territorio e nelle comunità, attraverso momenti di formazione per studenti e insegnanti, laboratori educativi ed azioni locali promosse dai giovani per i giovani, marce territoriali per il clima in Toscana, Lazio, Marche e nelle città di Milano, Bologna e Catania.

Le attività previste sono gratuite per i docenti e per le scuole! Per info contattare Marche Solidali alla seguente mail  info@marchesolidali.com e telefono 3333128062

 

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE DELLE MARCHE ACCRESCE L’IMPEGNO DURANTE L’EPIDEMIA DI CORONAVIRUS

 
A seguito della somministrazione di un sondaggio alle oltre 30 organizzazioni Socie Marche Solidali, diffondiamo il Comunicato Stampa inerente le azioni locali ed in particolare nei paesi esteri d’intervento portate avanti dai membri del coordinamento per fronteggiare le esigenze sanitarie e socio-economiche derivanti dall’emergenza epidemiologica COVID-19.
Oggi più che mai è importante avere uno sguardo globale, prendere per mano nuove consapevolezze perché nessuno rimanga indietro.
 

La #solidarietà ai #tempi dell’#emergenza #covid19 #cosilontanicosivicini #shortenthedistance

Approvata dalla Regione Marche la prima legge regionale sull’Educazione alla Cittadinanza Globale

Marche Solidali ha supportato il processo di definizione della Legge n. 23 del 10 giugno 2020 quale prima legge regionale sull’ECG, valorizzando l’esperienza pluriennale di alcuni soci particolarmente impegnati in questo campo. Inoltre, in qualità di partner nell’ambito del progetto “Nuove Narrazioni per la Cooperazione”, finanziato dall’AICS con capofila ActionAid, insieme alla Regione Marche – Ufficio Cooperazione allo Sviluppo, ha stimolato la costruzione di una visione comune rispetto al ruolo dell’Educazione alla Cittadinanza Globale (ECG) nell’attuazione degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030, rinforzando il lavoro di rete con enti locali, organizzazioni non governative e della società civile sul territorio regionale e con le reti che svolgono un’attività simile: l’Università per la Pace e il Centro Servizi per il Volontariato.

NEWS DAI SOCI

Essere Donna

Contesto

Essere donna in Senegal è ancora una sfida a causa di una cultura patriarcale che ne ostacola i diritti. Nella regione di Sédihou, la salute non è ancora un diritto per tutti ma soprattutto non è un diritto per le donne e le ragazze. Sono numerosi i problemi legati alla salute sessuale e riproduttiva e hanno a che fare con la mortalità materno-infantile, le gravidanze precoci indesiderate, la diffusione di malattie trasmissibili e non. A questo si aggiungono pratiche diffuse di mutilazioni genitali, matrimoni precoci e violenze spesso giustificate dalla tradizione.

Le donne molto spesso non possono decidere del proprio corpo …read more

leggi tutto

Festival I.ta.ca. E’ on line la mostra virtuale “The land we grab”

La mostra, riadattata e ridimensionata nella versione online per il Festival Itaca , invita a riflettere sulla relazione tra il sistema agricolo mondiale caratterizzato da monocolture e allevamenti intensivi e gli impatti devastanti sull’ambiente, sulla biodiversità, sul cambiamento climatico e sulle popolazioni in Amazzonia, Africa ma anche in Europa.

Una particolare attenzione è riservata al fenomeno del land grabbing, l’accaparramento delle terre da parte di grandi gruppi finanziari, multinazionali o governi che determina l’emarginazione e i flussi migratori di milioni di persone.

Attraverso una maggiore informazione e scelte consapevoli ciascuno di noi può fare la propria parte nella lotta al …read more

leggi tutto

Comunicato stampa – Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile

Fondo con i bambini

Un’altra storia di contrasto al fenomeno della povertà educativa ai tempi del Coronavirus, nel quartiere di Tor Bella Monaca a Roma sarà raccontata nel nuovo programma “L’Italia che fa”, condotto da Veronica Maya su Rai 2, durante la prossima settimana con un focus nella puntata di lunedì 22 giugno.

L’Italia che fa va in onda dal lunedì al venerdì alle 16.10 su Rai 2

Roma, 19 giugno 2020 – Si torna a parlare di povertà educativa a “L’Italia che fa”, programma condotto da Veronica Maya dal lunedì al venerdì alle 16.10 su Rai 2, …read more

leggi tutto

Lettera aperta sulla situazione in Palestina al Consiglio diritti umani delle Nazioni Unite

In occasione della 43a sessione del Consiglio diritti Umani delle Nazioni Unite, di nuovo aperta alle organizzazioni della società civile dopo la sospensione dovuta all’emergenza sanitaria, è stato presentato un appello congiunto da parte di 29 organizzazioni attive nei territori palestinesi occupati. La richiesta è quella di un rinnovato rispetto del diritto internazionale che qualifica espressamente e categoricamente come illegittime le colonie israeliane. L’appello, tuttavia, arriva poco prima della prevista e dichiarata ulteriore annessione di territori palestinesi da parte dello stato occupante di Israele. In questo senso, non può non trapelare l’amarezza della constatazione di un fallimento collettivo della comunità …read more

leggi tutto

Medicine ancestrali dal più profondo dell’Amazzonia

Un ricettario di 38 farmaci tradizionali, contro la tosse, il raffreddore, e altre malattie minori, da assumere sotto il controllo dei promotori di salute comunitari: non per combattere il Covid 19, ma per ridurre al minimo i contatti con i centri medici delle città, abbassando così i rischi di contagio. Anche in questo modo si difendono le popolazioni indigene dell’Amazzonia ai tempi del coronavirus.

Una storia raccolta dal nostro coordinatore Antonio Lopez y Royo.

In questi mesi le richieste di aiuto da parte delle popolazioni indigene in Amazonia sono state numerose e molti mezzi di …read more

leggi tutto

Inclusive poultry value chain development project

Contesto

La catena del valore dei polli da carne è stato uno dei settori in più rapida crescita in Zimbabwe nell’ultimo decennio, con un tasso di crescita stimato del 50% in tre. Tuttavia, dopo un periodo di declino macroeconomico aggravato da un’epidemia di influenza aviaria nel 2017, il settore ha registrato un calo complessivo della crescita del 10%. Mentre i grandi produttori sono riusciti ad evitare gran parte dell’impatto, i piccoli e medi produttori (LSP) hanno registrato un calo del 14% della crescita dal 2014. La maggior parte della produzione di polli da carne è però ancora realizzata da piccoli produttori …read more

leggi tutto

Italia – Responsabile del Dipartimento amministrazione

COSPE ONLUS è un’associazione privata, laica, senza scopo di lucro. Fin dalla sua nascita, nel 1983, COSPE ONLUS opera nel sud del mondo, in Italia e in Europa per la democrazia, i diritti delle donne, l’ambiente, le nuove economie, i diritti umani, le migrazioni e i diritti di cittadinanza, attraverso circa 100 progetti in più di 20 paesi nel mondo. COSPE ONLUS adotta una politica di pari opportunità e non discrimina le lavoratrici ed i lavoratori sulla base di qualsiasi appartenenza e/o orientamento e condizioni di vita.

Nell’ambito del consolidamento della propria struttura organizzativa e di un processo di riorganizzazione del …read more

leggi tutto

A che punto è il virus?

Oggi Michele Mattioli, il nostro Rappresentante Paese in Perù, è stato ospite di Repubblica TV insieme a Giampaolo Longhi del CVM da Addis Abeba e Riccardo Tagetti, Capo progetto OVCI la nostra Famiglia Cina, anche loro come Apurimac membri di Focsiv.

Nell’ora di chiacchierata, condotta da Chiara Nardinocchi, Michele e gli altri ospiti hanno parlato del contributo offerto dalle loro associazioni durante l’emergenza Covid-19, quali sono i timori legati alla diffusione del virus e hanno risposto alle domande degli utenti.

È possibile riguardare l’intervento per intero qui sotto, o …read more

leggi tutto

ForaGarimpoForaCovid. L’appello degli Yanomani contro i cacciatori d’oro.

Sono 20.000 i cercatori d’oro che hanno invaso le terre degli Yanomani negli ultimi mesi, distruggendo la foresta e portando dovunque il coronavirus, grazie alla negligenza compiacente del governo Bolsonaro. In un appello drammatico indirizzato ai Ministeri della Giustizia e della Salute le organizzazioni indigene della nazione Yanomani ne chiedono l’allontamento immediato, chiedendo a noi di “unirsi” a loro in questa richiesta “per impedire che il coronavirus contagi le loro famiglie”.

Qui puoi firmare la petizione https://www.foragarimpoforacovid.org/#assine

Testo dell’appello

Contro il coronavirus: rimozione immediata di tutti i cercatori d’oro dalla Terra indigena Yanomami!

Le comunità del territorio indigeno yanomami sono …read more

leggi tutto

RESTART – Riqualificazione Ecologica e Sociale dei Territori Attraverso il Rilancio dell’imprenditoria giovanile in Algeria, Marocco e Tunisia

Contesto

In Algeria, Tunisia e Marocco i giovani rappresentano una fetta importante dell’intera popolazione. Nonostante ciò, negli ultimi anni la situazione lavorativa giovanile non ha fatto che peggiorare soprattutto per quanto riguarda le giovani laureate che registrano un tasso di disoccupazione (Banca Mondiale 2018). Oltre all’esclusione economica, i giovani devono spesso affrontare situazioni di marginalità sociale – malessere già messo in luce dalle “Primavere arabe”- e gli effetti sul tessuto economico e sociale di una più ampia crisi economica. Le zone rurali di Jendouba, Sidi Bouzid, Gabès, Mahdia e Sousse, in Tunisia, quella di Bouira in Algeria e le aree …read more

leggi tutto